Patto per la sicurezza urbana sottoscritto da Comune e Prefettura

Milazzo – La giunta municipale ha approvato oggi una delibera con la quale si autorizza il sindaco Midili a sottoscrivere col prefetto di Messina il Patto per l’attuazione della sicurezza urbana, finalizzato a promuovere forme di collaborazione con gli enti locali per contrastare fenomeni di microcriminalità diffusa attraverso servizi e interventi di prossimità, nonché attraverso l’installazione di sistemi di videosorveglianza.
Il Comune di Milazzo punta attraverso le risorse  messe a disposizione dal ministero dell’Interno di implementare le postazioni individuando le zone del territorio più a rischio. Il progetto presentato  dell’importo di circa 350 mila euro prevede l’installazione o il potenziamento dei sistemi di videosorveglianza comunali nelle seguenti zone: Paladiana (2 telecamere), vico Banditore, piazza Caio Duilio/chiesa del Carmine, via del quartiere, piazza S. Maria Maggiore, piazza Cimitero (2), Fiumarella, via Rio Rosso, scuola Carrubbaro, piazza Sacro Cuore (2), area retrostante stadio “Marco Salmeri”, pineta San Papino (2), asse viario (2), piazza San Giovanni, via Gramsci (5), piazza De Andrè (2). “L’obiettivo  – spiega il sindaco Midili –  è rafforzare le azioni di prevenzione e di contrasto alle forme di illegalità presenti nel territorio comunale nei siti a vocazione turistica, nei plessi scolastici e istituzionali, nelle aree vicino a locali notturni e dove vi sono insediamenti di stranieri senza fissa dimora. Insomma si vuole  porre in essere strategie che facciano aumentare la percezione di sicurezza dei cittadini,  che contrastino ogni forma di illegalità e favoriscano l’impiego delle forze di polizia per far fronte alle esigenze di sicurezza, anche quelle straordinarie, del nostro territorio”. Presso la Prefettura viene istituita una Cabina di regia, composta dai rappresentanti delle forze di polizia e dalla polizia locale con il compito di monitorare lo stato di attuazione del Patto, con cadenza semestrale, anche ai fini della predisposizione da parte del prefetto, della relazione all’ufficio per il coordinamento e pianificazione delle forze di polizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

× Invia un messaggio