Credibilità della Magistratura: invoca intransigenza il Presidente Mattarella in ricordo della strage di Capaci.

Palermo – Discorso toccante e deciso, quello pronunciato oggi dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel suo intervento nell’aula bunker di Palermo durante le commemorazioni per la Strage di Capaci a 29 anni dalla morte del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e degli uomini della scorta Vito Schifano, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro. «Nessuna zona grigia, nessuna omertà né tacita connivenza: o si sta contro la mafia o si è complici dei mafiosi. Non vi sono alternative. L’onda di sdegno e di commozione generale, suscitata dopo i gravissimi attentati a Falcone e a Borsellino, il grido di dolore e di protesta che si è levato dagli italiani liberi e onesti è diventato movimento, passione, azione. Hanno messo radici solide nella società. Con un lavorio paziente e incessante, hanno contribuito a spezzare le catene della paura, della reticenza, dell’ambiguità, del conformismo, del silenzio, della complicità», le parole del presidente della Repubblica. «Anche il solo dubbio che la giustizia possa non essere, sempre, esercitata esclusivamente in base alla legge provoca turbamento. Se la Magistratura perdesse credibilità agli occhi della pubblica opinione, s’indebolirebbe anche la lotta al crimine e alla mafia. A figure di magistrati come Falcone e Borsellino la società civile guarda con riconoscenza. Vi guarda come lezioni che consentono di nutrire fiducia nella giustizia amministrata in nome del popolo italiano. In direzione contraria sentimenti di contrapposizione, contese, divisioni, polemiche all’interno della Magistratura, minano il prestigio e l’autorevolezza dell’Ordine Giudiziario», il monito. «Vorrei ribadire qui, oggi, quanto già detto nel giugno 2019 al Csm e nel giugno 2020 al Quirinale: la credibilità della Magistratura e la sua capacità di riscuotere fiducia – ha sottolineato ancora Mattarella – sono imprescindibili per il funzionamento del sistema costituzionale e per il positivo svolgimento della vita della Repubblica». «Gli strumenti a disposizione non mancano. Si prosegua, rapidamente e rigorosamente, a far luce su dubbi, ombre, sospetti su responsabilità. Si affrontino sollecitamente e in maniera incisiva i progetti di riforma nelle sedi cui questo compito è affidato dalla Costituzione», ha spiegato.

«Falcone e Borsellino – ha quindi aggiunto il Presidente della Repubblica – erano due magistrati di grande valore e di altissima moralità. L’intelligenza e la capacità investigativa erano valorizzate e ingigantite da una coscienza limpida, un attaccamento ai valori della Costituzione, una fiducia sacrale nella legge e nella sua efficacia». «La mafia volle eliminarli non soltanto per la loro competenza nella lotta alla criminalità organizzata, per la loro efficienza, per la loro conoscenza dei metodi e delle prassi del crimine organizzato- dice -. Li assassinò anche perché erano simboli di legalità, intransigenza, coraggio, determinazione. Erano di stimolo e di esempio per tanti giovani colleghi magistrati e per i cittadini, che li amavano e riponevano in loro fiducia e speranza. Sono rimasti modelli di stimolo e di esempio». «Il ricordo di Giovanni Falcone appartiene all’intera Repubblica, alle istituzioni e ai cittadini. Il dovere della memoria non appartiene soltanto alla Polizia, ai Carabinieri, alla Gdf, riguarda la Repubblica che ha il dovere di custodirla con riconoscenza», ha sottolineato quindi il presidente della Repubblica.

E poi ha ribadito: «La mia presenza qui vuole testimoniare che questo ricordo appartiene all’intera Repubblica, alle sue istituzioni e ai cittadini». Il dovere della memoria, infatti, «non riguarda soltanto la polizia di Stato, i carabinieri, la Guardia di finanza, gli altri corpi dello Stato, riguarda la Repubblica che ha il dovere di custodirla con grande riconoscenza per coloro che sono caduti e con grande solidarietà per i loro familiari. Quel che rimane di quell’auto è un ricordo che resta fortemente nell’animo dei nostri concittadini».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

× Invia un messaggio