PNRR, Infrastrutture – Di Giorgio (FdI), Ragno (GN) e Rundo (AU) : “Che fine ha fatto il raddoppio ferroviario Messina-Palermo?

Nessun esponente dell’attuale maggioranza sta affrontando minimamente il tema e ovviamente non ne troviamo traccia nel PNRR.
“Il sottosegretario alle infrastrutture, il siciliano Giancarlo Cancelleri non ha notato che le due città metropolitane sono collegate per circa 100 km da un binario unico condannando questa tratta ad un’anacronistica lentezza ed a continui ritardi? Con quale coraggio può presentarsi sul nostro territorio gente che non si è impegnata ad investire un solo euro in infrastrutture assolutamente necessarie?
Chiediamo che venga data una volta per tutte una risposta ai cittadini sul tema, magari unitamente alla simpatica idea di tunnel sotto lo stretto avanzata ad agosto dallo stesso sottosegretario “questa la dichiarazione di Giuseppe Di Giorgio, presidente del circolo di fratelli d’Italia di Sant’Agata Militello cui si aggiungono le dichiarazioni rispettivamente del Presidente Provinciale di Gioventù Nazionale, Salvatore Ragno: “Nessun progetto per la tratta Messina – Palermo, un buco enorme che continuerà a creare disagi alle centinaia di giovani universitari e lavoratori che ogni giorno impiegano ore ed ore per percorrere quella tratta per recarsi nei capoluoghi di provincia a studiare e lavorare e continuerà a fare perdere opportunità turistiche alla zona tirrenica e alle isole eolie. Inaccettabile il silenzio dei rappresentanti siciliani e soprattutto messinesi di maggioranza che evidentemente hanno a cuore solo la loro poltrona ricordandosi del loro territorio solo quando c’è da distribuire illusioni e raccogliere consenso” e di Alessandra Rundo, rappresentante al CNSU di Azione Universitaria: ” Come rappresentante al consiglio nazionale degli studenti universitari e studentessa pendolare non posso che denunciare la totale assenza di un piano trasporti nella nostra provincia: nessun doppio binario, nessun aeroporto, lo studente della costa tirrenica messinese è condannato da questo governo a viaggi della speranza, sia vicini che lontani”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

× Invia un messaggio